Merci beaucoup e many thanks all’Institut National des Langues

Se siete appena arrivati in Lussemburgo e cercate una scuola di lingua, vi consiglio spassionatamente di rivolgervi all’Instuitut National de Langues, che è senza dubbio la scuola migliore. La scelta dei corsi è piuttosto vasta, sia per quanto riguarda le lingue (otto), che per quanto riguarda i livelli e gli orari. Gli insegnanti hanno un’ottima impostazione, sebbene alcuni tendano a dimenticare a casa simpatia e calma interiore. Dal punto di vista burocratico, poi, è tutto informatizzato (occorre presentarsi di persona solo all’atto della prima iscrizione). Inoltre, rispetto ai centri di cui vi avevo parlato un anno fa, l’INL è molto meno caro. Se due settimane di lezione alla YES academy costano 520 Euro e tre settimane da Prolingua 580 Euro, all’INL si paga meno della metà per un intero semestre. Tuttavia, un tasso di presenza mensile inferiore al 50% comporta l’annullamento dell’iscrizione. Ovviamente le liste d’attesa sono molto lunghe ed è consigliabile fare domanda il prima possibile per avere più chance di rientrare, anche perché alcuni utenti, come gli studenti che hanno seguito i corsi del semestre precedente, godono del diritto di priorità. Comunque, male che vada, l’INL fornisce agli esclusi un buono per un’iscrizione prioritaria, valido per il ciclo di corsi immediatamente successivo.

Io oramai sono entrata nel giro. Sto anche nella loro brochure!

In sei mesi sono passata dal livello A1 al livello A2 (ovvero da superpippe a pippe) in francese e dal livello B1 al livello B2 in inglese. Ora, al di là di questi codici, che non vogliono dire un granché, considerando che il generale livello di inglese della mia classe precedente mi sembrava addirittura più alto, solo negli ultimi giorni sto iniziando ad avvertire la sensazione di aver fatto un piccolo (sottolineo piccolo) salto di qualità. In francese, i participi passati mi hanno aperto un mondo e mi stanno facendo uscire allo scoperto. In inglese, mi pare di essere migliorata nella comprensione e mi meraviglio di me stessa quando realizzo di capire al volo quelle parole e quelle frasi che fino ad oggi erano state per me un puro ammasso di fonemi insignificanti. Inoltre sta finendo l’era della traduzione mentale come passaggio obbligato tra il pensiero e la parola o tra le parole degli altri e la mia comprensione. Certo è che, studiando inglese e francese insieme, ritrovarsi a parlare anglofrancese o francanglitaliano è ordinaria amministrazione.  Di contro, forse grazie a tale miscuglio infernale, comincio a riconoscere la nazionalità delle persone non anglofone che parlano inglese. I francesi, per esempio, oltre ad avere il problema della erre, buttano l’accento sulla destra e infilano la “sz” dappertutto. “Mai neim isz MaRc ensz ai laik Resz staf. Uosz aR iouR fevoRit colòRsz?” (“My name is Marc and I like red stuff. What are your favorite colours?”). Quelli dell’Est europeo hanno la tendenza a pronunciare la “w” “v”. Cioè, non dicono “Ui uont”, dicono “Vi vont”. Anzi, dicono “Vi vant”. Gli spagnoli e gli italiani, invece, inventano le parole e pare stiano andando a venne er pesce ar mercato. Io, se è vero che quando parlo francese sembro Ariel di Zelig, quando parlo inglese sembra che sia appena stata dal dentista, più o meno come Monica Bellucci quando parla italiano.

Ma è allorché arriva il giorno in cui cominci a dire “ordinanza” anziché “richiesta” o “vino” anziché “aceto” che devi iniziare a preoccuparti, perché questo significa una cosa sola: che stai iniziando a diventare un po’ lussemburghese pure tu.

 

2 pensieri su “Merci beaucoup e many thanks all’Institut National des Langues

  1. Ooooohhh,
    finalmente sei tornata!!!
    Mi avevi fatto preoccupare…
    Sono proprio contenta che tu stia bene.
    Io nel frattempo mi sono trasferita definitivamente qui in Lux e, come te, sto frequentando l’INSL 2 volte al giorno per riuscire a spiccicare 2 parole in croce di francese e migliorare il mio inglese.
    Insomma, per citare Vincent Cassel nel film l’Odio: “Fino a qui…tutto bene!!!”
    Bentornata e buon viaggio!!!! ;)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>